Corso di perfezionamento “La lettura corporale con affettività”

CORSO di PERFEZIONAMENTO approfondimento teorico e metodologico per facilitatori di Biodanza

“Per tutta la vita lo sguardo motivato di un altro su di noi resta una leva potente capace di mettere in moto la nostra motivazione personale” P.  Jeammet (Adulti senza riserva 2009)

Quando: sabato 21 marzo 14: 30-22: 00 e domenica 22 marzo 10: 00-18.00
Dove:  PADOVA, Sala Vivivita / Syn – via Chiesanuova 242 / B – Padova (zona Brentelle)
Destinatari: Didatti, facilitatori titolati di Biodanza, facilitatori tirocinanti e allievi del terzo anno di formazione.

La “lettura del corpo” e “la lettura del movimento” sono uno strumento fondamentale che il facilitatore di Biodanza utilizza quando struttura il percorso evolutivo del gruppo settimanale o quando durante uno stage tematico osserva i problemi dei partecipanti durante lo svolgimento della vita proposta. Quanto più è raffinato e sensibile nel facilitatore della sua capacità di lettura del movimento dei partecipanti e della libertà del corpo nell’esprimersi tanto più il percorso che propone è trasformativo. Non è sufficiente la sola intuizione.

L’osservazione dei linguaggi del corpo e del movimento sono efficaci per il facilitatore solo se prende in considerazione l’espressione globale della persona: postura, espressione del viso, espressione delle emozioni, blocchi corporei, metodi di avvicinamento o allontanamento, modi di muoversi ( camminare, sedersi, allungarsi), libertà di movimento nella danza.

Rolando Toro ci ha chiesto di imparare ad osservare le categorie di movimento, la postura, la capacità di contatto e quella di feedback, la capacità di regressione. A volte alcuni facilitatori sentono di usare l’osservazione intuitivamente conservando dubbi e insicurezze sulla efficacia della loro lettura. La conseguenza di questa incertezza spesso genera un senso di frustrazione quando le vivencie proposte non raggiungono i risultati desiderati.

Il facilitatore di Biodanza che avvia un processo di apprendimento dell’abilità osservativa tramite l’acquisizione della osservazione di cosa significhi osservare e di competenze di natura teorica, metodologica e applicativa della capacità di lettura ha più possibilità di creare percorsi evolutivi e trasformativi e realizzare vivencie significativo e intenso.

Apprendere con maggiore sicurezza a leggere, senza interpretare, la postura e la struttura corporea che sono frutto di espressione della vita in evoluzione in ogni persona è una formazione necessaria a tutti ed in modo particolare, a chi si occupa dello sviluppo umano, come il facilitatore di Biodanza.

I temi trattati:

  • Significato e funzione dell’atto di osservare e dell’osservazione per il facilitatore di Biodanza
  • Comprensione di quale utilità potrebbe avere l’osservazione sia di sé stessi (osservazione automatica) sia degli allievi utenti di diversa età, dal bambino all’adolescente, dall’adulto all’anziano, dal disabile al tossicodipendente.
  • Approfondimento dello studio dei criteri di valutazione del processo evolutivo attraverso le categorie di movimento, la postura, la capacità di contatto e quella di feedback, la capacità di regressione.
  • Descrizione e applicazione dello “sguardo consapevole” (perché, cosa e come osservo)
  • Falsi miti dell’osservazione da evitare.
  • Metodologia per applicare i dati raccolti dall’osservazione dei partecipanti e del gruppo.
  • Significato olistico della postura del corpo.
  • Principali alterazioni posturali nei vari distretti corporei.
  • Gli anelli di tensione di Reich e la dissolvenza della corazza caratteriale.
  • Fenomenologia delle emozioni ed espressione corporea.
  • Lettura espressioni del viso: sorriso vero, sorriso falso
  • Apprendimento caldo e intelligenza affettiva.
  • Esercitazioni delle modalità osservative proposte.
  • Realizzazione di letture del movimento durante le specifiche vivencie.

SANDRA SALMASO: Didatta formatrice di Biodanza, co-direttrice della Scuola di Biodanza del Triveneto, ho 30 anni di esperienza nella conduzione di gruppi di Biodanza, di Educazione al Contatto e di Massaggio affettivo in numerosi paesi d’Europa e in America Latina e Canada .

Ho scritto il libro “Le mani che nutrono – Sviluppare l’Identità e migliorare le relazioni col Buon Contatto”

 

 

 

 

 

Costo formazione:

  • € 126,00 (IVA incl.) Sconto 10% entro il 29 febbraio
  • € 140,00 (IVA incl.) Dopo il 29 febbraio

Scarica qui la scheda di iscrizione    .pdf

Dove pernottare

Informazioni ed iscrizioni:
Scuola di Biodanza SRT del Triveneto:
Segreteria tel. 049-8979333 cell. 340-4776462 fax 049-2610172
Sandra Salmaso . 347-6965949 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *